Carrara, Battesimi 01/10/2016

previous arrow
next arrow
Slider

Con gran gioia nel cuore e con ringraziamenti al Signore Gesù, sabato 01 ottobre u.s. si è tenuto nella chiesa di Carrara un culto Battesimale.

Alla presenza oltre che dei membri della chiesa, anche di un numero significante di ospiti, la maggior parte dei quali assisteva al battesimo per immersione così come descritto nelle Sacre Scritture per la prima volta, sono scese nelle acque battesimali tre sorelle: Roberta, Andrea Giulia e Tatiana quest’ultima proveniente dall’Ucraina ed aggiunta recentemente alla nostra comunità.

Ospiti della serata, gli operatori  del centro Kades, comunità di recupero e riabilitazione per uomini e donne soggette a dipendenze, associata alle Assemblee di Dio in Italia, la cui sede è sita in Melazzo in provincia di Alessandria.

Proprio il Direttore del centro Kades, il fratello Lino Brancato, ha ministrato la Parola del Signore e,  per l’occasione, si è soffermato sul libro degli Atti Capitolo 2 dal versetto 37  dove con una illuminata e benedetta esposizione ha evidenziato la necessità del ravvedimento, del battesimo in acqua e della promessa di ricevere lo  Spirito Santo, per tutti i credenti.

La celebrazione ha avuto poi il suo culmine nel momento in cui, una per volta le sorelle venivano immerse in acqua dal pastore della chiesa Geremia Cammarano, così da testimoniare la simbolica morte al peccato e la rinascita alla nuova vita con il patto espresso al Signore di seguirLo, amarLo e fare la Sua volontà ogni giorno della propria vita e al Signore sia la Gloria.

Al termine del culto si è tenuta una piccola Agape che ha dato modo, agli ospiti, oltre che ristorarsi, anche di poter interpellare circa le sacre scritture i credenti della chiesa e ancora una volta è stata resa testimonianza.

Il giorno seguente, domenica 2 ottobre, sempre presso il locale di Carrara si è tenuto il culto con la cena del Signore nella forma del pane e del vino, secondo l’ordinamento del Signore Gesù e così, le sorelle battezzate,  hanno potuto assaporare l’emozione e la comunione di Spirito in memoria del Signore per la loro prima volta.

Tutta la comunità ha potuto pienamente affermare la gioia di questi due giorni insieme alle potestà celesti così come recita il versetto: “Vi dico che, allo stesso modo, ci sarà più gioia in cielo per un solo peccatore che si ravvede che per novantanove giusti che non hanno bisogno di ravvedimento”. (Luca 15:7)

Gloria al Signore.

Francesco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *